Per essere efficiente ed organizzata è necessario che una cucina sia progettata nella maniera più funzionale e pratica possibile, tenendo conto di tutte le nostre esigenze, dei nostri movimenti e dell’aspetto che la cucina dei nostri sogni deve avere. La progettazione della cucina avviene attraverso la combinazione di due importanti elementi: la razionalità e la funzionalità.

In primo luogo, è necessario che l’ambiente che andiamo a creare risponda alle nostre esigenze estetiche, sia d’impatto e rispecchi la nostra personalità. In secondo luogo è necessario che la disposizione che raggiungiamo si concili con una perfetta funzionalità e praticità dell’ambiente, che deve essere il più possibile congeniale al suo utilizzo. Tenere conto delle dimensioni a disposizione permette di razionalizzare al meglio lo spazio ed ottenere una cucina armoniosa e organizzata.

Come progettare la tua cucina?

Razionalizza gli spazi in cucina

Razionalizza gli spazi in cucina

La cucina è senza dubbio un ambiente molto dinamico, fatto di spostamenti e cambiamenti costanti. Una buona razionalizzazione dello spazio disponibile è il punto di partenza per un risultato ottimale e pratico, che faciliti gli spostamenti e l’utilizzo della cucina. Per cominciare, ti consigliamo di pensare alle varie funzionalità della stanza come a dei nuclei a sé stanti da riuscire a conciliare con tutti gli altri durante la progettazione: ad esempio, la conservazione dei cibi (frigorifero, mensole, cassettoni), la fase di lavaggio (il lavello), quella della preparazione delle pietanze (il piano top), ed infine la cottura (il piano cottura).

richiedi preventivo

1. Per una massima razionalizzazione dello spazio disponibile, tutti gli alimenti destinati alla conservazione dovranno essere collocati in una zona della cucina a loro dedicata. Frigorifero, mensole, ante, cassettoni, è necessario che queste funzioni siano tutte molto vicine, in modo tale da creare una vera e propria ‘dispensa’ concentrata in un unico angolo della cucina.

2. Dopo aver selezionato gli ingredienti di cui abbiamo bisogno nella zona ‘dispensa’, inizia la fase di lavorazione, che si muove tra il piano di lavoro ed il piano cottura. In questa zona potrai allestire pensili di vario genere in modo tale da avere a disposizione tutti gli strumenti di cui hai bisogno per tagliare, sminuzzare e preparare le pietanze che vuoi! Potrai dotare la zona di comodi cassettoni nei quali riporre pentole ed utensili. I ripiani più alti invece potranno essere destinati a quegli elettrodomestici che utilizzi di meno, ma che possono tornare utili in particolari occasioni.

3. Immediatamente accanto al piano di lavoro è molto funzionale la collocazione di un piano di cottura che preveda anche una cappa e, nella zona inferiore o accanto, un forno. Si tratta della disposizione più funzionale a facilitare e velocizzare i movimenti da una funzione all’altra: terminata la lavorazione sarà facile e veloce trasferire gli alimenti sui fornelli per cucinarli.

4. Una volta utilizzati vari utensili e pentole per la lavorazione e la cottura, potrai riporli nel lavello o nella lavastoviglie che sarà opportuno collocare immediatamente dopo la zona cottura. Per una maggiore praticità potrai disporre la zona di un comodo cestino e di uno scolapiatti.

Tagged with →  
Share →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *